Crea sito

Categorized | Attualità, Politica

Gerusalemme città di Tutti

Gerusalemme

di Fabrizio Bertolami.

Con la sua decisione del 6 dicembre del 2017 su  ha lanciato un enorme masso nello stagno fin troppo calmo del dibattito internazionale sulla questione israelo-palestinese. Dopo gli annunci di almeno tre presidenti, Clinton, Bush jr e Obama, Trump è infatti passato all’azione dichiarando che gli USA sposteranno la loro ambasciata da Tel Aviv a .

Questa decisione ha aperto il vaso di Pandora che contiene tutte le forze regionali, e mondiali, interessate alle sorti della città delle “religioni del Libro”.

La questione religiosa.

Il punto infatti è focale negli equilibri geopolitici della regione, e di riflesso, del mondo, poiché la città è contemporaneamente sacra per le tre maggiori religioni monoteistiche, è contesa (e divisa) tra  e l’Autorità Nazionale Palestinese (ANP), ognuna delle quali la vuole come propria capitale, ed è oggetto di forte interesse da parte delle maggiori potenze regionali: Arabia Saudita, Turchia ed  (sunnite) ed  (sciita). A livello mondiale, sono interessate alle sorti della città anche l’Europa (nella sua accezione più ampia, quella religioso-culturale), la Russia e ovviamente gli USA.

Ripercorrere l’intera storia della contesa, a partire dal 1948, anno della fondazione d’Israele non è qui possibile, ma possiamo almeno delineare alcune delle conseguenze che una decisione come questa può generare.

Prima è però necessario ricordare che il 21 dicembre, due settimane dopo la decisione di Trump, l’assemblea delle Nazioni Unite ha votato massicciamente (128 voti a favore, 35 astenuti e 9 contrari ) una risoluzione dell’Egitto che chiedeva di rifiutare la decisione presa dal Presidente Americano [1]. Sicuramente Trump e la sua amministrazione erano preparati ad un esito simile, cionondimeno è stato uno schiaffo in pieno volto agli USA da parte di quella “comunità internazionale” che molte volte si è accodata a ratificare le decisioni già prese da Washington.

L’ambasciatrice all’ONU, Nicky Haley, ha tuonato contro i “traditori” minacciando rappresaglie economiche, ma questa volta è diverso. Accettare e condividere quella decisione, provvedendo a propria volta spostando la propria ambasciata, è una decisione che nessuna Nazione può prendere a cuor leggero e senza timore di riflessi negativi.

SEGUE …

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

Muos: la mistificazione dell'antiamericanismo

Muos: la mistificazione dell'antiamericanismo

di Daniela Giuffrida per Tgvallesusa.it Segnali di profondo disappunto e indignazione da diversi ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Corte dei Conti... giudici rompiscatole!

Corte dei Conti... giudici rompiscatole!

Ma quanto sono cattivi questi giudici della Corte dei Conti? Noiosamente implacabili trascorrono il ...