Crea sito

Città Metropolitana: proposta dei giovani del PD sul Tav votata solo dal M5S

LOGO_CITTAMETROPOLITANA_TORINO

di Davide Amerio.

Contrariamente a quanto avviene nei piani alti del partito dei rottamatori d’Italia i giovani del PD sembrano essere molto sensibili ai costi del Tav.

Nel consiglio della Città Metropolitana di Torino è stata discussa una mozione del M5S che richiedeva maggiore trasparenza sui costi della Tav Torino-Lione sulla base delle considerazioni fatte dai giovani del PD che ritengono necessaria una verifica dei dati economici e di valutazione del progetto che risalgono a oltre venti anni or sono e non sono più adeguati alla nuova realtà.

Spiega Dimitri De Vita, consigliere del M5S:

Non conosciamo al mondo una sola azienda che nel settore privato investirebbe decine di miliardi di euro su valutazioni redatte un ventennio prima ma come ben sappiamo l’Italia è solita adoperare le risorse dei suoi cittadini per affidare gli appalti ai soliti personaggi ed alle solite grandi imprese: si, lo sappiamo, c’è poco di cui sorprendersi.

Ci ha fatto gradevolmente specie che la richiesta sia stata partorita in maniera del tutto autonoma nell’ambito del Partito Democratico, dai suoi giovani che evidentemente conoscono meglio l’importanza delle risorse economiche di un popolo rispetto ai suoi “vecchi”.

La richiesta di uno studio aggiornato analizzando il rapporto costi/benefici non ha però entusiasmato i difensori della Tav a tutti costi e maggioranza con l’opposizione, esclusi i cinque stelle, hanno votato in modo compatto negativamente su una proposta partorita all’interno della stessa maggioranza. Come suol dirsi “vietato disturbare il manovratore”.

Il verbale delle votazioni è questo qui:

riepilogo esito votazioni

riepilogo esito votazioni

(D.A. 13.05.15)

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

Partito del non voto a chi serve?

Partito del non voto a chi serve?

di Davide Amerio. Sono consapevole che mi attirerò i malumori di qualcuno, ma non scrivo per far p ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Governo prossimo venturo... di nuovo del Presidente?

Governo prossimo venturo... di nuovo del Presidente?

Avremo un prossimo governo a cinque stelle? Una speranza per molti, un incubo per altri. Cosa rimane ...