Crea sito

Categorized | Attualità, Politica, Società

A chi pensa la classe politica?

Beppe Grillo

Leggo i giornali di questi giorni, e seguo questo dibattito fra i nostri maggiori esponenti politici, intorno alla data delle prossime elezioni: fra chi le propone presto, prima dell’estate, chi aspetterebbe la fine dell’estate e i molti (molto autorevoli), che pensano addirittura alla possibilità, ormai, di arrivare al 2018 e alla fine della legislatura. E sono scandalizzato: perché vedo qui una ennesima prova della assoluta insensibilità della nostra classe politica per i sentimenti di gran parte dei cittadini e per gli  orientamenti dell’opinione pubblica.

Sono passati ormai ben tre anni, da quando, nel gennaio 2014, la Corte costituzionale dichiarò incostituzionale la legge, con cui era stato eletto l’attuale Parlamento; da allora, il nostro è un parlamento illegittimo, e, di conseguenza, è illegittimo qualunque governo sostenuto da questo Parlamento, ed è illegittima ogni legge approvata da questo Parlamento. È vero che la Corte costituzionale aveva escluso, allora, la possibilità di un immediato scioglimento di quel Parlamento, perché occorreva, prima, disporre di una nuova legge elettorale per le nuove elezioni; ma è evidente che essa prevedeva una proroga per tempi brevi, quanti potevano essere necessari per elaborare una nuova legge elettorale.

Era implicito il riferimento al modello tradizionale della “prorogatio”, che è sempre ammessa per tempi brevi, durante i quali sono possibili solo atti di normale e necessaria amministrazione, nulla di più. Ma i nostri politici se la sono presa comoda, sono andati avanti, addirittura per tre anni, come se nulla fosse, hanno fatto governi e legiferato ex-novo; hanno dimostrato cioè a tutti i cittadini italiani, che la Corte Costituzionale non serve a niente; è come se essa avesse dato loro solo un buffetto sulla guancia, dicendo “Birbanti! Non si fa così e non fatelo più!” (e senza aggiungere, nemmeno, i classici tre pater, ave e gloria).

Già in questi tre lunghi anni, i cittadini italiani hanno capito che la nostra classe politica pensa solo a sé stessa, alla continuazione del controllo del potere da parte degli stessi gruppi politici attuali, senza alcuna volontà di tener conto di ciò che è più giusto e più valido nell’interesse del paese e dei suoi cittadini; se ora questi nostri cittadini vedono prolungare la vita del Parlamento addirittura fino alla fine della legislatura, si convinceranno sempre di più che niente vale niente: e che i nostri politici sono riusciti a durare fino in fondo, senza pagare nulla per i propri errori (o per i propri arbìtrii).

E poi ci si chiede di dove viene questo crescente assenteismo, questo distacco dalla politica, questo sempre minore impegno civico degli italiani: è evidente che Grillo ha ragione; e andando avanti così avrà sempre più ragione, anche in futuro.

di Mario Mirri per Libertàegiustizia.it

(Mario Mirri è  professore emerito dell’Università di Pisa)

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

Missione a Kobane attraverso gli occhi di due giovani.

Missione a Kobane attraverso gli occhi di due giovani.

L’opinione pubblica, in questi ultimi mesi, sintetizza la questione Curda sul luogo diventato ora ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Carlo Azeglio Ciampi: fu vera gloria?

Carlo Azeglio Ciampi: fu vera gloria?

Giudicare tutta la storia di un uomo non è impresa facile; meno ancora l’essere obiettivi se non ...