Crea sito

Categorized | Attualità

Renzi vs. Zagrebelsky parlare di referendum nell’era del renzusconismo

renzi_zagrebelsky

Il faccia a faccia tra il professor Zagrebelsky e il primo ministro Renzi in televisione ha rappresentato uno scontro ad armi impari. Lo confermano il giudizio di alcuni osservatori e certi commenti nei social dove sostenitori del SI non sono stati minimamente scalfiti dalle argomentazioni del professore che solo in alcuni momenti è riuscito, su questioni importanti, a mettere in difficoltà .

Com’è possibile avvenga questo? Non è difficile rispondere se si valuta ciò che oggi è la televisione, cosa rappresenta, e come viene gestita dal potere politico. Progressivamente nel tempo, dall’era berlusconiana, ora renzusconiana, il dibattito televisivo è stato trasformato da confronto di opinioni – e argomentazioni – in uno spettacolo per teatranti. Se ne accorse per primo, pagandone il prezzo, il buon Giorgio Bocca, uno dei nostri più valenti giornalisti, la cui partecipazione a trasmissioni televisive non dava la misura delle sue capacità rinvenibili nei suoi scritti.

Nell’era della comunicazione regna la prevaricazione saccente e spudorata. Vale per la televisione, come nei social. Ed è proprio la politica ad aver influenzato negativamente i social, e la nostra percezione del web, riducendo il dibattito a battute estemporanee e spesso fuori contesto. I tweet sono interpretati come trattati di filosofia politica. I commenti arroganti e/o offensivi e/o canzonatori, si trasformano in “saggi” culturali. Si commenta “out of topic” e senza magari aver letto il testo cui ci si riferisce. Si condividono notizie da blog, che trattano argomenti delicati, privi di fonti di riferimento.

I “leoni da tastiera” belano insulse non-argomentazioni come quando capita di parlare tra amici e, tra uno scherzo e l’altro, magari spunta un discorso serio, e allora c’è sempre il più idiota che deve trasformare la discussione in “caciara” perché non è all’altezza. E questo vale per tutte le posizioni politiche (e intendo proprio tutte!)

Abbiamo perso il senso del dibattere, dell’argomentare; della curiosità di capire perché l’altro la pensa in modo differente da noi (povero J.S. Mill!). Ignoriamo il vero senso del web, delle sue potenzialità, della possibilità di capire, approfondire, conoscere. Invece del “diffondere a maneeettaaaa!!” dovremmo preoccuparci di “infondere” conoscenza dentro le nostre teste: e alcuni posseggono vasti open space tutti da arredare.

La televisione comanda questo ritmo di parole inutili in un reciproco scambio di pochezze. Ecco quindi che un professore di comprovate conoscenze, persona di garbo ed educata, fatica a nuotare dentro un acquario dove l’acqua è oleosa. Le parole che esprimono un argomento non contano o contano poco, interrotte dall’arrogante interlocutore che banalizza, minimizza. L’immagine del parlante viene coperta dalla mimica sfacciata dell’interlocutore, dalla sua faccia di gomma, dai gesti, dall’atteggiamento corporeo che indica disprezzo.

Il “confronto” televisivo non è più tale da molto tempo. Uno dei motivi per il quale evito queste trasmissioni. L’obiettivo non è far capire i termini dei problemi ma catturare la simpatia del telespettatore nel modo più superficiale possibile. Recentemente un bell’esempio lo ha fornito Alessandra Mussolini a “l’aria che tira”, s-parlando della Virginia Raggi (sottolineando le orecchie a sventola,) tra le risate degli astanti e della conduttrice. Un confronto tra un rispettabile signore, e un cialtrone arrogante e strafottente, non è un confronto alla pari. Se così fosse, in una dimensione diversa, il cialtrone stazionerebbe al bar con gli amici suoi simili a osservare, magari di sfuggita in Tv, le persone serie che discutono, anche animatamente, dei problemi. Nella nostra dimensione, invece, creata da 20 anni a questi parte, i cialtroni finiscono in televisione come, e forse più, dei sapienti.

Considerando le forze schierate in campo, ai sostenitori del NO, salvatori della , spetta il compito di avvicinare i cittadini direttamente, per metterli a conoscenza dei fatti reali, nascosti dagli slogan. In televisione bisogna mandare chi è in grado di affrontare la presupponenza e le menzogne profuse a raffica.

(D.A. 02.10.16)

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

Regione Piemonte: i consiglieri 5 stelle fanno le pulci alla giunta Chiamparino.

Regione Piemonte: i consiglieri 5 stelle fanno le pulci alla giunta Chiamparino.

Se vuoi sapere davvero cosa succede in politica locale, per esempio in Regione Piemonte, e nazionale ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Quale futuro per il Movimento 5 Stelle? Lettera aperta...

Quale futuro per il Movimento 5 Stelle? Lettera aperta...

  Tommaso Currò è un nome che è risuonato parecchio nei social network nelle ultime settima ...