Crea sito

Categorized | Società

Minacce al direttore de “La Spia” on line

Paolo-Borrometi-La-Spia-620x264

di Daniela Giuffrida.

Questa, insieme a tante altre, la minaccia fatta pervenire al direttore del giornale online “La Spia”, Paolo Borrometi.

Paolo Borrometi, classe 1983, nato a Ragusa ma modicano di cuore (come ama affermare egli stesso) è scrittore e giornalista, corrispondente dell’agenzia Agi, dirige la testata on line locale “La Spia”.  Borrometi, per la sua attività di giornalista, vanta un discreto curriculum di intimidazioni e attentati vari.

Il primo “avvertimento” una mattina di ottobre del 2013 quando, sulla fiancata della sua auto, comparve la scritta “Stai attento”.

Il 16 aprile 2014 il cronista venne preso a calci nella sua casa di campagna da due uomini a volto coperto, questi gli torsero il braccio causandogli fratture alla spalla. Poi, ai primi di agosto altro avvertimento sul muro di fronte alla porta di casa: “Borrometi sei morto”.

Venti giorni dopo, meno di un anno fa, ignoti appiccarono fuoco alla porta di casa, porta blindata e ignifuga per fortuna e tutto si risolse con l’assegnazione di due carabinieri di scorta, tre giorni dopo. Da un anno Paolo Borrometi vive sotto scorta, dunque, con tutto ciò che la cosa comporta, ma tutto questo non lo ferma.

Ovviamente, sui vari episodi di intimidazione sono state svolte indagini ed altre sono in corso visto che altre minacce sono sopravvenute nel frattempo.

Pochi giorni prima dell’aggressione dell’ aprile 2014, il cronista aveva scritto che “l’ omertà è la forma mafiosa più grave” e, in questi mesi, il suo giornale ha continuato a pubblicare inchieste su inchieste in cui si parla di attività mafiose in alcuni comuni della provincia di Ragusa come Vittoria e Scicli.

A Scicli lo ricordiamo, il Comune è “commissariato” poichè l’ex sindaco, Francesco Susino, che era già stato indagato per concorso esterno in associazione mafiosa è decaduto ed il Consiglio Comunale è stato sciolto, lo scorso 29 aprile, dal Consiglio dei Ministri, i reati contestati: associazione mafiosa, anche a titolo di concorso esterno, truffa, estorsione e furto. Borrometi ha scritto di tutto questo, ha scritto di corse di cavalli clandestine ed ha pubblicato vere e proprie mappe della mafia in Sicilia, con la suddivisione per provincia dei mandamenti mafiosi.

continua a leggere …

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

A chi pensa la classe politica?

A chi pensa la classe politica?

Leggo i giornali di questi giorni, e seguo questo dibattito fra i nostri maggiori esponenti politici ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Chi c'è dietro l'Isis il nuovo terrorismo. Intervista a Loretta Napoleoni

Chi c'è dietro l'Isis il nuovo terrorismo. Intervista a Loretta Napoleoni

La televisione ci bombarda nuovamente con un campagna a favore della guerra; questa volta contro l'I ...