Crea sito

Categorized | Società

Minacce al direttore de “La Spia” on line

Paolo-Borrometi-La-Spia-620x264

di Daniela Giuffrida.

Questa, insieme a tante altre, la minaccia fatta pervenire al direttore del giornale online “La Spia”, Paolo Borrometi.

Paolo Borrometi, classe 1983, nato a Ragusa ma modicano di cuore (come ama affermare egli stesso) è scrittore e giornalista, corrispondente dell’agenzia Agi, dirige la testata on line locale “La Spia”.  Borrometi, per la sua attività di giornalista, vanta un discreto curriculum di intimidazioni e attentati vari.

Il primo “avvertimento” una mattina di ottobre del 2013 quando, sulla fiancata della sua auto, comparve la scritta “Stai attento”.

Il 16 aprile 2014 il cronista venne preso a calci nella sua casa di campagna da due uomini a volto coperto, questi gli torsero il braccio causandogli fratture alla spalla. Poi, ai primi di agosto altro avvertimento sul muro di fronte alla porta di casa: “Borrometi sei morto”.

Venti giorni dopo, meno di un anno fa, ignoti appiccarono fuoco alla porta di casa, porta blindata e ignifuga per fortuna e tutto si risolse con l’assegnazione di due carabinieri di scorta, tre giorni dopo. Da un anno Paolo Borrometi vive sotto scorta, dunque, con tutto ciò che la cosa comporta, ma tutto questo non lo ferma.

Ovviamente, sui vari episodi di intimidazione sono state svolte indagini ed altre sono in corso visto che altre minacce sono sopravvenute nel frattempo.

Pochi giorni prima dell’aggressione dell’ aprile 2014, il cronista aveva scritto che “l’ omertà è la forma mafiosa più grave” e, in questi mesi, il suo giornale ha continuato a pubblicare inchieste su inchieste in cui si parla di attività mafiose in alcuni comuni della provincia di Ragusa come Vittoria e Scicli.

A Scicli lo ricordiamo, il Comune è “commissariato” poichè l’ex sindaco, Francesco Susino, che era già stato indagato per concorso esterno in associazione mafiosa è decaduto ed il Consiglio Comunale è stato sciolto, lo scorso 29 aprile, dal Consiglio dei Ministri, i reati contestati: associazione mafiosa, anche a titolo di concorso esterno, truffa, estorsione e furto. Borrometi ha scritto di tutto questo, ha scritto di corse di cavalli clandestine ed ha pubblicato vere e proprie mappe della mafia in Sicilia, con la suddivisione per provincia dei mandamenti mafiosi.

continua a leggere …

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

Tav il PD valsusino chiama un commercialista pacificatore.

Tav il PD valsusino chiama un commercialista pacificatore.

di Davide Amerio (per Tgvallesusa.it) Chi di opposizione ferisce… di opposizione perisce… ver ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Il 1° Maggio a Torino barometro di un paese allo sbando

Il 1° Maggio a Torino barometro di un paese allo sbando

Una doverosa premessa. Provengo da una famiglia che ha sempre avuto rispetto dello Stato e delle For ...