Crea sito

La vitamina E contro l’inquinamento?

avocado-on-a-wooden-table

di Massimo Bonato su Omissisnews.

Le recenti ricerche condotte dal King College di Londra insieme all’Università di Nottingham mettono in relazione la quantità di vitamina E presente nel corpo e le funzioni polmonari di persone esposte all’inquinamento atmosferico.

Olio di oliva, mandorle e nocciole, arachidi e cereali, uova e spinaci, asparagi, ceci, crescione, broccoli, pomodori e avocado ci aiuteranno contro lo smog?

Le qualità della vitamina E sono risapute: prevenzione dell’invecchiamento e dell’ossidazione del corpo a opera dei radicali liberi; prevenzione nelle malattie o negli attacchi cardiaci; prevenzione al tumore, specialmente allo stomaco.

Agli studi sin qui realizzati si aggiunge questo, pubblicato dall’ «American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine» che si concentra sui particolati che compongono l’inquinamento atmosferico. Lo studio ha rilevato una relazione tra l’alta esposizione all’inquinamento e una bassa concentrazione di vitamina E nel sangue. Tra i particolati presi in esame (PM10 e PM2.5), soprattutto il PM2.5 sembra produrre più danni. Le persone esposte a una maggiore concentrazione di PM2.5 presentavano un livello significativamente più basso di alfa-tocoferolo e una funzione polmonare inferiore, il che porta a considerare come prova aggiuntiva che l’aggressione del PM avviene per ossidazione.

“Il nostro lavoro si basa su un numero di studi che indagano la possibilità che alcune vitamine possano contrastare l’effetto negativo dell’inquinamento atmosferico sui polmoni – segnala la coautrice del lavoro Ana Valdés della Università di Nottingham. – Saranno necessari ulteriori studi per stabilire se un supplemento di antiossidanti può proporzionalmente rendersi efficace nella protezione polmonare”.

M.B.

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

Tav il PD valsusino chiama un commercialista pacificatore.

Tav il PD valsusino chiama un commercialista pacificatore.

di Davide Amerio (per Tgvallesusa.it) Chi di opposizione ferisce… di opposizione perisce… ver ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Chi c'è dietro l'Isis il nuovo terrorismo. Intervista a Loretta Napoleoni

Chi c'è dietro l'Isis il nuovo terrorismo. Intervista a Loretta Napoleoni

La televisione ci bombarda nuovamente con un campagna a favore della guerra; questa volta contro l'I ...