Crea sito

Categorized | Attualità

La pacificazione di Virano sul Tav

assemblea-popolare-No-tav-20.10-620x264

Fonte: Tgvallesusa.it

di Barbara Debernardi

Il 16 marzo 2015 nel corso del primo Consiglio di Amministrazione di Telt sas il Presidente Virano ha presentato un “Appello per la pacificazione, il rispetto delle posizioni e il dialogo” rivolto “a quanti si oppongono alla Torino-Lione”, finalizzato al “superamento dei conflitti” e ad “aprire una nuova fase di dialogo”.

A chiedere ai valsusini, con la consueta faccia di bronzo, la “pacificazione sotto il controllo delle Istituzioni per trasformare finalmente l’opera in un ‘normale lavoro pubblico’”, promettendo in cambio “una revisione delle iniziative giudiziarie intraprese da Ltf” e “una revisione, da parte dell’Autorità, delle presenza delle forze dell’ordine a presidio del cantiere” è chi nell’ultimo decennio ha fatto della mistificazione ne ha fatto un’arte.

A lui si deve lo snaturamento (se mai natura ha davvero avuto) dell’Osservatorio, trasformato da luogo di confronto in teatro del consenso; a lui si devono le leggende diffuse in ambito nazionale ed europeo del “processo democratico di confronto continuo che ha coinvolto Sindaci, Consigli comunali, cittadini e opinione pubblica” (come egli stesso scrive nel cosiddetto “Accordo di Pra Catinat”); a lui si deve la bufala dell’appena citato accordo, circa il quale la sottoscritta e altri amministratori dell’epoca attendono ancora di vedere le firme apposte in calce. E a lui si deve la redazione di dozzine di veline che media compiacenti hanno sventolato negli anni, inneggianti a un’opera avviata, irreversibile, in larga fase di avanzamento, occasionalmente addirittura in anticipo (!) sulla tabella di marcia imposta dall’Europa.

Non val davvero la pena di entrare nel merito dell’appello alla pacificazione rivolto ai valsusini, dati i presupposti e le garanzie che può fornire l’autore del medesimo, poiché l’arroganza delle richieste e il presunto potere decisionale che si coglie tra le righe si commentano da soli. E perché è di tutta evidenza che i valsusini continueranno democraticamente, liberamente e pacificamente ad opporsi alla realizzazione della Torino-Lione.

L’unico appello sensato alla pacificazione il neo presidente di Telt dunque dovrebbe rivolgerlo al suo cuore. (B.D. 21.03.2015)

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

Dove ci conduce l'Europa dell'austerity e dove va la Grecia?

Dove ci conduce l'Europa dell'austerity e dove va la Grecia?

Due recenti interventi sul sito Scenarieconomici.it a firma l'uno del prof. Paolo Savona e l'altro ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Hooligans e No Tav trattamenti ben differenti!

Hooligans e No Tav trattamenti ben differenti!

A qualche onesto giornalista, come quelli del Fatto Quotidiano, non è sfuggita la palese differenza ...