Crea sito

Categorized | Società

Facoltà universitarie il dibattito sul Fatto Quotidiano

università

di Davide Amerio per Scenarieconomici.it

Recentemente sulle pagine del Fatto Quotidiano si è scatenata una accesa polemica allorché il vice direttore, Stefano Feltri, ha riportato e commentato i dati relativi allo studio effettuato dal Ceps (Centre European Policy Studies) in merito al rapporto tra la scelta del percorso universitario e il mercato del lavoro.

La chiave di lettura del direttore è semplice: se volete studiare all’università cosa vi piace senza badare alle richieste del mercato del lavoro, non lamentatevi se rimarrete disoccupati o se lo stipendio che riceverete sarà inferiore a quello di laureati in altre discipline. La replica a questa affermazione è stata piuttosto vivace. Ne sono in qualche modo conseguiti due blocchi contrapposti: quello di Feltri e quello di chi ritiene che la scelta della facoltà debba essere motivata, non solo dal lavoro ma anche dal proprio interesse per le matrie e dalle proprie passioni. Sul FQ del 19 agosto è altresì stato pubblicato l’articolo di Iaria Maselli, co-autrice della relazione Ceps.

In questo “dibattito” ci sono delle premesse che non mi convincono. La logica del “mercato” ha permeato ogni ambito della nostra vita e ci siamo adattati a parlare di “mercato del lavoro” come fosse quello dell’acciaio, del petrolio o delle vacche, dimenticando che del primo fanno parte esseri umani. Il taglio del discorso di Feltri – e dell’articolo della Maselli – è prettamente economicistico. Devi studiare ciò che il mercato offre come posti di lavoro e che ti dia un apprezzabile rapporto costo-opportunità calcolato sul reddito non percepito durante il periodo degli studi.

In questo discorso  il termine “opportunità” viene limitatamente associato ai costi; non viene considerata invece la “creazione di opportunità di lavoro” anziché quella semplicemente dei “posti”. Un esempio. Anni or sono conobbi una brava ragazza che desiderava studiare biologia marina. Scoprì rapidamente che in Italia non esisteva una facoltà adatta e quindi avrebbe dovuto recarsi in America per laurearsi e – con ogni probabilità, – trovare lì un impiego.

Continua a leggere …..

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

Berlusconi assolto... viva Berlusconi.

Berlusconi assolto... viva Berlusconi.

“quando ho appreso la notizia dell'assoluzione a "Porta a porta" ho pianto dalla commozione.Forz ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Alumnus John Nash vince il prestigioso Premio Abel.

Alumnus John Nash vince il prestigioso Premio Abel.

Alumnus John Nash vince il prestigioso Premio Abel della Norwegian Academy di Scienze e Lettere di ...