Crea sito

Categorized | Attualità, Società

Carlo Azeglio Ciampi: fu vera gloria?

Azeglio Ciampi

Giudicare tutta la storia di un uomo non è impresa facile; meno ancora l’essere obiettivi se non la si conosce tutta e a fondo. In Italia è difficile avere misura del bene e del male dei politici: carriere troppo, troppo lunghe, non permettono di avere un ricordo o un profilo esente da pecche. Difficile essere obiettivi. Sarà per questo che ogni morto diventa un santo, non ostante i demeriti e i fallimenti.

Ci sono però dei momenti cruciali, nella carriera di alcuni politici, perché le loro scelte hanno influenza sulla vita degli altri e lasciano ai posteri, se non la sentenza, di sicuro i cocci.

Quindi lo voglio ricordare con questo brano:

L’armonizzazione delle politiche monetarie europee,e cioè l’ingresso nello SME, richiedeva però l’abbandono della cooperazione tra il e la Banca d’Italia, poiché la seconda in pratica agiva da banchiere del primo. […] Così, nel luglio del 1981, , allora governatore della Banca d’Italia, e il ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta, attuano una sorta di ‘divorzio’ tra i due Enti. La Banca d’Italia cessa di essere il prestatore di ultima istanza dello Stato, e cioè non doveva più acquistare i titoli del debito pubblico invenduti o calmierare le aste nel caso in cui le offerte degli investitori privati fossero state troppo basse. In seguito a questo divorzio accadde un fatto paradossale: lo Stato si ritrova a offrire sul mercato i suoi titoli alle stesse banche che li acquistavano in passato, ma a tassi sempre più alti. Inizia così a crescere l’importo che deve pagare per gli interessi sul debito – una dinamica perversa che è alla radice di molti problemi […] negli anni ’80 le banche private, gli operatori di mercato e gli speculatori finanziari cominciarono a scannarsi alla ricerca del miglior rendimento dei titoli di Stato italiani, rendimenti che raggiunsero in quegli anni livelli assurdi, superiori al 12%, mentre nel 2011 l’Italia rischiava il default con un misero 7%. […] si arricchisce chi sa muoversi bene in finanza a discapito dello Stato, e quindi della collettività.” (Loretta Napoleoni – Democrazia Vendesi – Rizzoli 2013)

Ciao Azeglio… non ci mancherai!

di Davide Amerio.

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

Cina: fine della classe operaia nel Guandong.

Cina: fine della classe operaia nel Guandong.

da China-files.com CINA - La scomparsa degli operai in Guangdong A Dongguan – l'ex “f ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Sognare la rivoluzione non significa essere rivoluzionari

Sognare la rivoluzione non significa essere rivoluzionari

La rivoluzione in Italia è un desiderio, un sogno: talvolta bisbigliato, sussurrato tra amici, ...