Crea sito

Categorized | Attualità, Società

Carlo Azeglio Ciampi: fu vera gloria?

Azeglio Ciampi

Giudicare tutta la storia di un uomo non è impresa facile; meno ancora l’essere obiettivi se non la si conosce tutta e a fondo. In Italia è difficile avere misura del bene e del male dei politici: carriere troppo, troppo lunghe, non permettono di avere un ricordo o un profilo esente da pecche. Difficile essere obiettivi. Sarà per questo che ogni morto diventa un santo, non ostante i demeriti e i fallimenti.

Ci sono però dei momenti cruciali, nella carriera di alcuni politici, perché le loro scelte hanno influenza sulla vita degli altri e lasciano ai posteri, se non la sentenza, di sicuro i cocci.

Quindi lo voglio ricordare con questo brano:

L’armonizzazione delle politiche monetarie europee,e cioè l’ingresso nello SME, richiedeva però l’abbandono della cooperazione tra il e la Banca d’Italia, poiché la seconda in pratica agiva da banchiere del primo. […] Così, nel luglio del 1981, , allora governatore della Banca d’Italia, e il ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta, attuano una sorta di ‘divorzio’ tra i due Enti. La Banca d’Italia cessa di essere il prestatore di ultima istanza dello Stato, e cioè non doveva più acquistare i titoli del debito pubblico invenduti o calmierare le aste nel caso in cui le offerte degli investitori privati fossero state troppo basse. In seguito a questo divorzio accadde un fatto paradossale: lo Stato si ritrova a offrire sul mercato i suoi titoli alle stesse banche che li acquistavano in passato, ma a tassi sempre più alti. Inizia così a crescere l’importo che deve pagare per gli interessi sul debito – una dinamica perversa che è alla radice di molti problemi […] negli anni ’80 le banche private, gli operatori di mercato e gli speculatori finanziari cominciarono a scannarsi alla ricerca del miglior rendimento dei titoli di Stato italiani, rendimenti che raggiunsero in quegli anni livelli assurdi, superiori al 12%, mentre nel 2011 l’Italia rischiava il default con un misero 7%. […] si arricchisce chi sa muoversi bene in finanza a discapito dello Stato, e quindi della collettività.” (Loretta Napoleoni – Democrazia Vendesi – Rizzoli 2013)

Ciao Azeglio… non ci mancherai!

di Davide Amerio.

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

A Firenze il successore di Renzi (Nardella) immagina di innaffiare i turisti con l'acqua per mantenere il decoro della città
Tav in Senato la relazione di Marco Rettighieri sul blocco dei lavori dopo gli arresti. L'intervento di Marco Scibona e le tante domande senza risposta.
Il concertone ha inizio dal pomeriggio con altri gruppi
Quello che viene fuori dal testo mi sembra una Nuclear Free Zone globale, che riconosce la legittimità del Trattato di Non Proliferazione vigente e si affida alla sua organizzazione per il controllo e per le misure di salvaguardia
Agricoltura, tecnologia, economia, com'è cambiato il loro rapporto e la manchevolezze della strategia in Italia
Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro

DALL'ARCHIVIO

TAV Torino-Lione il servizio delle Iene, il racconto delle bugie di Stato

TAV Torino-Lione il servizio delle Iene, il racconto delle bugie di Stato

di Valsusa Report per Tgvallesusa.it Sono le Iene e in soli 7 minuti di interviste  riescono a res ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

Partito del non voto a chi serve?

Partito del non voto a chi serve?

di Davide Amerio. Sono consapevole che mi attirerò i malumori di qualcuno, ma non scrivo per far p ...