Crea sito

Categorized | Editoriali

Andrea Scanzi e la guerra tra PD e M5S.

Fatto Quotidiano logo

di Davide Amerio.

Andrea Scanzi è un ottimo giornalista. Di quelli che riflettono prima di scrivere e non hanno timore nell’esprimere il proprio pensiero. Una rarità, lo dicono le statistiche internazionali, in questo paese. Per me è sempre un piacere leggerlo, anche quando non sono completamente d’accordo. Sul fatto Quotidiano il suo intervento recente riguarda il rapporto tra il M5S e i Civatiani.
Una lotta inutile, secondo il suo parere, che andrebbe superata rivedendo le rispettive posizioni “oltranziste”. La mancata convergenza tra il M5S e le cosidette aree della sinistra radicale sarebbe la causa della continua vittoria del duo Renzi-Berlusconi e della crescita dell’astensionismo.

L’argomento è tutt’altro che banale e influenza in modo determinante la possibilità di far cambiare – sul serio, – rotta al paese. Tralasciando le invettive reciproche tra i “simpatizzanti”, i troll, i bimbi-minchia che popolano i social di parole inutili, cercare di capire le radici di questa incomprensione è fondamentale.

A sinistra si imputa al M5S di non aver accettato l’accordo con Bersani; probabilmente tra costoro ci sono molti che hanno votato M5S nella speranza che “cambiasse” la sinistra e sopratutto il PD. Questo è un errore “filosofico”: non si può pretendere che un movimento cambi l’identità di un partito che non ha alcuna intenzione di mutare. Si dimentica che il duo Bersani-Letta non solo si è presentato dai deputati del M5S con un “prendere o lasciare” ma, sopratutto, il primo ha commesso errori di valutazione grossolani rispetto alla potenzialità del movimento (e questo in un altro paese avrebbero comportato immediate dimissioni) e ha “vinto” per un pugno di voti; il secondo ha trascorso tutta la campagna elettorale dichiarando preferibile il voto a Berlusconi piuttosto che al Movimento. Come si può resistere a far “società” con due tipi del genere? (per indulgenza tralascio di tirare in ballo anche Fassino).

Il legame del movimento con Beppe Grillo è sempre stato usato in modo strumentale. Se, come dice Scanzi, un personaggio mai tenero con i 5 stelle come Curzio Maltese oggi ha cambiato parere – non su Grillo – ma sui deputati del movimento che ritiene validi e preparati, ci si dimentica che senza Beppe questi bravi, preparati, valevoli cittadini, oggi deputati, mai sarebbero stati presi in considerazione dalla politica dei Bersani e dei Letta.
A Grillo si imputano posizioni destrorse. Tipica, anche questa, reazione della sinistra italiana: se osi dire che non tutti gli immigrati possono essere accolti e che bisognerà pur distinguere tra le brave persone e i delinquenti e non ti abbandoni sadicamente al melenso buonismo, allora sei di destra! Negli anni ’70/’80 se osavi dire che esistevano, anche, dei lavoratori pelandroni che danneggiavano le aziende, allora eri un reazionario. Cambiano i termini dell’equazione ma non il risultato.

A sinistra ogni “stormir di fronda” porta con sè amorevoli infatuazioni. Prima Tzipras, oggi Podemos, domani, forse, Landini. E la costante è il dar contro al movimento. Peccato che sia proprio Curzio Maltese – sottolinea Scanzi – a riconoscere come le battaglie dei cinque stelle siano davvero di “sinistra”. Con buona pace di quelli che vanno dicendo a destra e a manca che il M5S non fa nulla e non si “sporca le mani”.

Lungi da me l’idea di considerare i grillini privi di colpe, errori, e responsabilità. Con una differenza sostanziale però: con costoro ci si può “arrabbiare” come si fa con un adolescente che deve crescere; gli altri invece sono adulti, navigati, “esperti” e inciampano quotidianamente sulle loro omissioni, complicità e menzogne. Non ci si può quindi stupire del grado di diffidenza del movimento nei loro confronti.

Resta il problema centrale: cosa significa oggi, veramente, essere di sinistra? Per trovare un terreno comune bisogna prima risolvere questo dilemma; in modo onesto e coerente. Viceversa la diffidenza degli uni verso gli altri non verrà mai meno; nemmeno l’illusione di essere portatori di verità rivelate da parte di qualcuno e saremmo sempre vittima di delusioni mentre “quegli altri” continuano a spadroneggiare impoverendo il paese e le nostre vite.

DUBITARE PER ESSERE LIBERI

NOTIZIE INTERESSANTI DAL WEB

Judo e la paura. Può un arte marziale aiutare nella gestione della paura? Come si agisce? Lo spiega la campionessa di Judo, ed esperta in psicologia dello sport, Loredana Borgogno.
Può davvero finire l'era del libro cartaceo scalzata dalla tecnologia? Il rapporto tra il lettore e il libro è qualcosa di più che la sola lettura.
Il tema del lavoro fa sempre parte della campagna elettorale. La sinistra ne rivendica la difesa. Ma come si comporta davvero oggi lo Stato nei confronti del lavoro?
Blu Economy un'altra economia è possibile. Non più una economia green ma un modello che apprende dalla natura per realizzare procedimenti di produzione compatibili con l'ecosistema e il benessere delle realtà locali. Intervista di Tiziana Alterio.
Quali sono le conseguenze della mossa di Trump su Gerusalemme? Un'analisi ripercorre la storia della città più controversa del mondo. Gli interessi politici, strategici e le motivazioni religiose.
Il presidente Trump mette in discussione tutti i Trattati commerciali in essere, con l'obiettivo di ridurre l'impatto della Cina e aumentare la produzione interna. Non di meno intende rivedere gli accordi commerciali con l'Europa, comunque considerato partner privilegiato.

DALL'ARCHIVIO

Il Fascismo delle cose buone dei tempi andati

Il Fascismo delle cose buone dei tempi andati

di Davide Amerio. Il Fascismo ha fatto, anche, delle cose buone. Questo si trova scritto, non pr ...

LEGGERE...NUTRIMENTO DELL'ANIMA

Categorie del sito

Archivio articoli

Creative Common License

DALL'ARCHIVIO

L'arte del ragionare Daniel H. Cohen

L'arte del ragionare Daniel H. Cohen

Nell'era di Internet uno degli scopi di questa tecnologia è la possibilità di condividere opinioni ...